Come verificare la qualità dei backlink per la Link Building

Come verificare la qualità dei backlink per la Link Building

Ottenere dei backlink è un qualcosa che può essere assai utile dal punto di vista SEO, proprio per questo tra le ottimizzazioni cosiddette Off Site spiccano quelle di link building.
Quando ci si chiede quali sono le pratiche giuste per la link building, tuttavia, bisogna considerare che non tutti i backlink sono uguali: se alcuni di essi possono effettivamente essere utili per tale obiettivo, altri sono del tutto ininfluenti e possono comportare perfino delle penalizzazioni, ecco perché le attività di analisi backlinks sono considerate sempre molto importanti.
Facciamo dunque il punto sui principali aspetti da considerare.

Verifica rank sito

L’operazione più semplice che si può eseguire nell’effettuare una verifica backlink è senz’altro la verifica rank sito, scopriamo subito di cosa si tratta.
Il cosiddetto rank è un punteggio che Google assegna ai vari siti web presenti nei suoi indici, valutando una molteplicità di fattori.
Se un sito Internet gode di un buon rank, i backlink da esso provenienti saranno senz’altro più appetibili, in caso contrario è meno probabile che essi possano essere utili a livello SEO, anzi vi è il concreto rischio che possano perfino comportare delle penalizzazioni.
Proprio per questo motivo, la verifica rank sito è considerata da sempre un’operazione preliminare molto opportuna.

Tematicità del sito

Al di là della verifica rank sito, di cui si è detto, anche altri fattori sono determinanti nel valutare quali sono i backlink più funzionali a livello SEO, e tra questi rientra anche la tematicità.
Se si ottiene un backlink da un sito Internet che tratta un argomento coerente con quello della risorsa da ottimizzare, è ben più probabile che in una verifica backlink ad opera di Google esso risulti naturale e che sia quindi realmente utile ai fini SEO.
Se, al contrario, il backlink proviene un sito focalizzato su tutt’altro tipo di tematiche, esso potrebbe risultare forzato, dunque controproducente.

Analizzare il profilo backlinks del sito in questione

Nel chiedersi se un sito web possa essere una risorsa preziosa dalla quale ottenere un backlink, è utile anche eseguire un’analisi backlinks del sito stesso.
Se tale sito ha una quantità di link eccessiva e soprattutto composta per buone percentuali da link di scarsa qualità, probabilmente i link da esso forniti non saranno particolarmente utili ai fini SEO.
Al contrario, se il sito in questione vanta un numero congruo di backlinks e, soprattutto, dei backlinks di qualità, ottenere un backlink dal medesimo può senz’altro essere allettante.
Una verifica backlinks del sito in questione, dunque, è sempre vivamente consigliata.

Numero di link in uscita all’interno del sito

Tendenzialmente, tanto maggiore è la quantità di link in uscita in un determinato sito, tanto minore sarà il loro “peso” dal punto di vista SEO per i siti che ne beneficiano.
Questa, si badi bene, non è una regola ferrea, tuttavia se un sito web ha una quantità di link in uscita eccessiva in rapporto ai suoi contenuti, come tipico dei siti cosiddetti di Article Marketing, la rilevanza SEO dei backlink da esso provenienti potrebbe effettivamente ridimensionarsi.

Naturalezza dell’inserimento del link all’interno del testo

Al di là di analisi backlinks e di altri aspetti tecnici, bisogna sottolineare anche in che modo il backlink viene inserito all’interno del testo: il motore di ricerca, infatti, presta molta attenzione anche a tali aspetti.
Il backlink dev’essere inserito in maniera naturale e assolutamente coerente con la semantica della frase e, in generale, del discorso che l’autore sta compiendo, in caso contrario il suo inserimento tende a divenire una palese forzatura e la sua utilità può dunque venire meno.

amministratore